Giardinaggio, è il mese della semina

Ottobre è il mese impegnativo per tutti gli appassionati di giardinaggio. Durante questo mese sono molti i lavori da fare per ottenere un bel giardino già all’inizio della primavera. Se si desidera porre a dimora nuove essenze in molti casi questo è il mese più adatto, anche nel frutteto, in modo da ottenere una fioritura abbondante già a partire dalla prossima primavera. Ma è soprattutto il periodo adatto per piantare o invasare vari tipi di piante e fiori. Eccone alcuni esempi.

Semine in piena terra: calendula, elicriso, fiordaliso, gypsofila, godezia, papavero, pisello odoroso, speronella. Si può provare a seminare anche le camelie, che proprio in questi giorni maturano i loro grossi frutti. I contenitori vanno tenuti all’aperto, ma riparati dal vento. Si possono anche preparare le aiuole di bulbi a fioritura primaverile, se posti a dimora adesso daranno già una bellissima fioritura a partire dal prossimo anno.

Ottobre è anche mese di talee; si possono preparare talee di rose, utilizzando il legno vecchio, di bougainville, camelia, lantana e ortensia; vanno usati parecchi contenitori, da riempire con un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, quindi vi vanno poste le talee, interrandole di pochi centimetri, dopo averle immerse nell’ormone radicante; nelle regioni con inverni molto rigidi è opportuno conservare i contenitori con le talee in luogo riparato, in modo che il terreno non geli, nelle altre regioni si possono anche lasciare all’aperto, ma al riparo dal sole e dal vento.

Chi lo desidera può approfittare di queste settimane per dividere le piante perenni da fiore, ottenendo nuovi esemplari, che possono essere coltivate in contenitore, oppure si possono mettere subito a dimora.

In ottobre è bene valutare l’eventualità di riseminare il prato, per riempire eventuali lacune o per rinfoltirlo; il clima fresco e le piogge autunnali aiutano a far germinare al meglio le sementi, i prati già a dimora necessitano di una concimazione, con concime organico o con concime granulare a lenta cessione. Le prime foglie cominciano a cadere, è consigliabile raccoglierle e conservarle per le pacciamature protettive invernali.
E’ bene potare gli arbusti che hanno terminato la fioritura ed anche le piante da frutto, evitando potature troppo drastiche.

condividi con:

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *